Festa Madonna Ss. della Catena ad Aci Catena

 Il 15 agosto, a Aci Catena (Catania), si festeggia la Madonna Santissima della Catena, il cui prezioso simulacro viene portato per le strade in un tripudio di folla festante. La mattina del primo agosto il “Cunsulato”, annuncio della Festa con il tradizionale suono della “Campana Maria”, che si ripete la mattina della 15 agosto alle ore 4.30. Alle ore 8.00 “Svelata” e traslazione del Simulacro della Madonna all’altare maggiore. Nel pomeriggio entrata del fercolo in chiesa, uscita trionfale e Processione per le vie del paese. Il giorno 16 suggestiva “Trasuta o chianu” (Ingresso in piazza di corsa) del fercolo con la Madonna, tra lo sventolio dei fazzoletti.

La devozione alla Vergine della Catena risale ai tempi di Re Martino l di Aragona (1400), quando cinse di assedio il traditore Artale di Aragona rinchiuso nel castello di Aci. La popolazione soffriva per i soprusi del padrone del feudo e per le minacce del Re Martino verso quanti gli si mostravano ostili. Saputo del Miracolo avvenuto a Palermo il 18 Agosto 1392 nella chiesetta di S. Maria del Porto, ossia che la Madonna aveva spezzato le catene di tre poveri condannati a morte e Re Martino aveva assolto i rei liberati dalla Madonna, la popolazione rivolse le sue preghiere alla Madonna della Catena perché li liberasse, e Maria li esaudì.

Il Miracolo ad Aci Catena. Il sisma dell’11 Gennaio 1693 interessò un’area vastissima della Sicilia orientale, anche Aci Catena fu distrutta in parte: la chiesa che custodiva la preziosa icona del XV secolo cadde, ma integro restò l’altare, la preziosa icona e il simulacro. A differenza dei paesi limitrofi, l’antica Scarpi ebbe meno di cento vittime. Il popolo catenoto allora attribuì alla Madre della Catena il miracolo: la Madonna li ha protetti con il suo manto. Grazie a questo miracolo il culto della Vergine SS.ma della Catena si espanse molto rapidamente, infatti in poco tempo fu ricostruita la chiesa attuale. Nei primi anni del ‘900, Mons. Salvatore Bella, Vescovo di Acireale, già insigne Prevosto della collegiata di Aci Catena, scrisse un inno alla Vergine della Catena: “Ci Salvò”. Ogni anno dunque il popolo catenoto si stringe attorno al Simulacro della Patrona, priva di ori devozionali, per ringraziaLa della protezione ricevuta cantando questo inno di ringraziamento.

L’ Immagine della Madonna, conservata all’interno del Santuario Maria SS. della Catena, anche se non sembra esatta nelle proporzioni, tuttavia nel fulgore dei suoi preziosi monili e nella preziosità del suo manto dorato sormontato da una preziosa corona, appare imponente e maestosa. Il Bambino che tiene in braccio è un vero gioiello d’arte per la sua naturale espressione, per via di quella manina che, tenendo in mano l’aurea catena, pare voglia incatenare il cuore dei figli per avvicinarlo a quello della madre. Il 14 Agosto 1957 la vetusta e venerata immagine della Madonna. venne solennemente incoronata, con una corona d’oro. Si trattava in particolare dell’antica corona aurea donata dal ceto artigiano nel 1907 resa più preziosa e più bella grazie alla generosità dei cittadini e dei devoti.

COME ARRIVARE

COSA TROVI NELLE VICINANZE

RICHIEDI INFORMAZIONI SULL'EVENTO

    Categoria: FESTE RELIGIOSE

    foodtoursicily

    FOOD TOUR SICILY

    •   Via Della Resistenza
      92026 Favara (AG)

    •    Mobile: +39 366 3066216

    •    Mail: info@foodtoursicily.it


    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
             

    CHI SIAMO

    Primo sito in assoluto che si occupa di rispondere alle richieste di informazione, assistenza e accoglienza turistica siciliana.

    I NOSTRI PARTNER

    FOOD TOUR SICILY|P.Iva 02800230845